Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni con IP anonimo su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito.

Workshop di graphic design peer-2-peer, Dan D Festival, Zagabria 11 giugno 2016

anno

2016

organizzatore

Dan D

link

graphic design workshop

Il 9 giugno 2016 siamo stati invitati a condurre un workshop di graphic design su "p2p collaboration strategies" nell'ambito del Festival Dan D (D Day in croato) a Zagabria.

L'edizione 2016 del festival si focalizzava sull'idea di "Open Design". Tramite workshop, mostre e talk, si è discusso di diversi aspetti del tema. Per investigare il potenziale di applicare i principi e la filosofia del movimento open source all'ambito del design in termini di strumenti, processi, metodi, risultati. Durante questo breve workshop di graphic design abbiamo avuto l'opportunità di dare un assaggio di un maniera alternativa di lavorare, a dei partecipanti entusiasti che hanno raggiunto Zagabria da ogni angolo dei Balcani.

L'obiettivo del workshop di graphic design era di

progettare collaborativamente un nuovo logo

per il festival. Visto il tempo ristretto dedicato al workshop, si è trattato principalmente di una scusa per iniziare un processo di design peer-to-peer con i partecipanti, condividendo alcune delle tecniche che avevamo già applicato in altre occasioni.

In una breve introduzione data da alcuni degli organizzatori del festival – Petra Milički and Dario Dević (kudos!) – abbiamo avuto un assaggio della storia del logo del festival, vedendo come è cambiato da un anno all'anno nel passaggio da un designer all'altro. Questo specifico aspetto ha portato ad una discussione su cosa significasse effettivamente progettare un logo che deve essere utilizzato per molti anni, applicato da diversi designer a identità diverse. La conclusione è stata di progettare un segno che fosse minimale a sufficienza da essere reinterpretato in molte maniere senza perdere la propria forza.

Al termine della discussione, abbiamo chiesto ai partecipanti di raccogliere riferimenti visivi da usare come board Pinterest condivisa, in modo da costruire un terreno comune di possibili direzioni visive. Come già sottolineato in occasione di altri workshop di peer-to-peer graphic design, ai partecipanti è stato chiesto di guardare i riferimenti degli altri mentre caricavano le proprie. In questo modo potevano reagire alle suggestioni degli altri ed aprire a nuove possibilità.

Al termine della ricerca visiva, abbiamo chiesto ai partecipanti di provare a visualizzare le loro idee a partire dalle suggestioni sulla board. Ci sembra importante menzionare che a questo punto, per la prima volta dall'inizio del progetto, alcuni dei partecipanti sono arrivati al workshop senza computer. Per questo, abbiamo deciso di chiedere loro di abbozzare le idee su carta. Sorprendentemente (anche per noi!), questa strada ha aperto a nuove possibilità alle quali non avevamo pensato! Fare una proposta disegnata a mano ha consentito ai partecipanti di tradurre le loro idee visive in maniera molto diretta, senza concentrarsi troppo sulla forma finale, ma più sul mood generale e sul concetto. Ciò ha portato a proposte che erano chiare abbastanza da comunicare un'idea, ed aperte a sufficienza perché qualcun altro le portasse in una direzione differente.

Tutte le proposte sono state raccolte in forma anonima e discusse in gruppo per evidenziare gli aspetti chiave che emergevano dai disegni, con l'obiettivo di sceglierne alcuni per proseguire.

Come fase finale, abbiamo chiesto ai partecipanti di formare delle coppie per lavorare a un artefatto digitale sui loro computer. Abbiamo chiesto loro di lavorare usando la tecnica del pair design, scambiandosi i ruoli ogni 20 minuti. Passato lo scetticismo iniziale, sono riusciti a lavorare in maniera produttiva, arrivando a risultati interessanti nonostante il poco tempo a disposizione.

Some students using the

È stato affascinante per noi vedere come, in così poco tempo, il workshop di metodologie p2p per il graphic design abbia portato a molte proposte interessanti. Ma è ancora più interessante rilevare quanto naturalmente i partecipanti siano riusciti a ridurre le opzioni durante la discussione, e ad approfondirle in molte maniere differenti duranti il lavoro individuale (o in coppia), arrivando a risultati comuni. Siamo sicuri che, con un poco di tempo in più, questo sarà un bel logo!

graphic design workshop logo results

Per saperne di più su "peer-to-peer design strategies": p2pdesignstrategies.parcodiyellowstone.it

Per le foto, ringraziamo sentitamente la crew di Dan D. Per maggiori informazioni e rimanere aggiornati su di loro, hanno una pagina Facebook.